Beetlejuice 2 uscirà nei cinema italiani il 5 settembre 2024.

Ma per chi, come me, è cresciuto con il folle “spiritello porcello” creato da Tim Burton nell’ormai lontano 1988, con cui condivido anche l’anno di nascita, un sequel di questo genere è davvero qualcosa di irresistibile. Una sensazione che è difficile descrivere a parole perché la sua principale arma è la nostalgia. Un’emozione, o più che altro, uno stato d’animo che ci riporta al tempo perduto, al passato, all’essere bambini o semplicemente adolescenti.

Non a caso il “Beetlejuice” di Tim Burton, a distanza di oltre 35 anni, continua a essere unico. Un horror mascherato da film per famiglie che parlava a tutti. C’erano fantasmi, mostri di ogni tipo, sequenze gotiche e a tratti perfino splatter grazie a un uso del trucco prostetico tanto bizzarro quanto originale.

beetlejuice 2

Beetlejuice: un cult immortale

C’erano le musiche gotiche di Danny Elfman unite a classici mondiali, come la Banana Boat Song di Harry Belafonte, che sorprendevano il pubblico con imprevedibili momenti musical. Ci si spaventava e allo stesso tempo si rideva di gusto in una fusione di generi che oggi purtroppo non esiste più. Come non esiste da ormai troppo tempo il suo leggendario autore, Tim Burton, padre di alcuni dei più bei film della storia del cinema: da “Batman – Il ritorno” a “Edward mani di forbice” e “La sposa cadavere”, pellicole che trattavano il tema del diverso in una chiave fiabesca impreziosita da innumerevoli sfumature dark.

E così, da inguaribile sognatore, voglio credere in questo Beetlejuice 2. Un film che, a detta della stessa Jenna Ortega, presenta pochissima CGI e tanto cinema vecchia maniera tra modellini di città in soffitta e animatronics. Il resto lo scopriremo solo in sala invocando a voce alta per tre volte il nome del folle e sgarbato spiritello interpretato, ancora una volta, dal mitico Michael Keaton.

Beetlejuice 2 uscirà nei cinema italiani il 5 settembre 2024. Guarda il trailer!

Author

Sono sufficienti poche parole per classificare il mio lavoro, diviso tra l’attenta redazione di approfondimenti su cinema, tv e musica e interviste a grandi personalità come Robert Downey Jr., Hugh Laurie, Tom Hiddleston e tanti altri.

Rispondi